LE PROSPETTIVE DELL’INDUSTRIA ITALIANA DEL VINO

8/06/2016

TAVOLA ROTONDA CONVOCATA IL 9 MARZO A TORINO

Il Dipartimento di Economia e Statistica “Cognetti de Martiis” organizza mercoledì 9 marzo a Torino (ore 17.30, Campus Luigi Einaudi, compra mochilas kanken Aula A4), una tavola rotonda su “Le prospettive dell’industria italiana del vino”.

La tavola rotonda prende spunto dalla presentazione del volume di Stefano Castriota Economia del Vino, EGEA, Fjallraven Kanken Big Milano, nike pas cher ma vuole allargare la discussione riguardo al futuro del settore vinicolo italiano. L’industria italiana del vino è considerato un esempio di successo sui mercati internazionali, in particolare rispetto ai paesi produttori tradizionali. E’ infatti quello che ha saputo reggere più brillantemente la sfida dei “nuovi paesi produttori” (Australia, Cile, Sudafrica) che, Soldes Nike Pour Homme soprattutto a partire dagli anni ’90, hanno sviluppato una forte concorrenza, Nike Air Max 2016 Dames Blauw di qualità e di prezzo.

La chiave di questo successo è stata lo spostamento verso una migliore qualità, che ha permesso di superare il ruolo tradizionale dell’Italia di esportatore prevalente di vini di basso profilo, e di collocare le esportazioni italiane su livelli di qualità (e quindi di prezzo) decisamente superiori. L’interrogativo, e la sfida futura per il settore è se avrà la capacità di continuare in questa direzione in un contesto internazionale sempre più competitivo. Rispetto a questo, Fjallraven Kanken Pas Cher numerosi argomenti sono in discussione, dalla struttura delle denominazioni alle possibili politiche in favore del settore, dal ruolo delle cooperative agli strumenti di marketing, fino alle prospettive di evoluzione dei gusti dei consumatori.

A discutere di questi temi saranno:

Stefano Castriota, Facoltà di Economia dell’Università di Bolzano

Giorgio Ferrero, Assessore Regionale all’Agricoltura, Caccia e pesca

Oscar Farinetti, Presidente di Eataly

Antonello Maietta, Presidente dell’Associazione Italiana Sommelier

Giulio Porzio, Fedagri-Confcooperative, Presidente dei Vignaioli Piemontesi

Pietro Ratti, Presidente del Consorzio di tutela Barolo e Barbaresco

Introduce e coordina la discussione Alessandro Corsi,