il Gavi docg per sir elton john

26/06/2013

Il grande bianco piemontese è sponsor ufficiale di Collisioni,

in programma a Barolo il 5, 6, 7 e 9 luglio

 

Arriva nella terra dei grandi rossi una “perla bianca” piemontese: il Gavi Docg è infatti sponsor ufficiale di Collisioni Festival, la manifestazione che ogni anno porta a Barolo più di 80 mila persone e i grandi nomi della musica, della letteratura e della cultura nazionale ed internazionale. Il Gavi sarà protagonista dell’esclusiva cena che si svolgerà martedì 9 luglio e che precede il concerto di Elton John – unica data italiana, presso il cortile del Castello di Barolo. Durante la cena, preparata dallo chef stellato Masimo Camia della Locanda nel Borgo Antico di Barolo, saranno serviti vini Gavi ed esperti sommelier guideranno gli ospiti nella degustazione.

Inoltre una selezione di vini Gavi sarà presente nelle degustazioni guidate dall’enologo giornalista Lorenzo Tablino che si svolgeranno durante i giorni del Festival  nella stanza del Professore all’interno del Museo del Vino di Barolo.

Il Consorzio ha inoltre contribuito al “Progetto Giovani” di Collisioni, che ogni anno permette di ospitare gratuitamente oltre 400 ragazzi da tutte le regioni italiane. Il Progetto è frutto di un lavoro grazie al quale è stata costruita una rete di contatti con università, associazioni, scuole di teatro, radioweb, scuole di fumetto, giovani scrittori emergenti, festival letterari. I ragazzi coinvolti parteciperanno attivamente al Festival attraverso eventi ed iniziative che animeranno le piazze del festival.

Nato per le corti antiche, il Gavi non ha mai tradito la sua vocazione per qualità ed eleganza. La zona di produzione comprende circa 1.450 ettari in 11 comuni (Bosio, Capriata d’Orba, Carrosio, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia e Tassarolo).

Il Gavi fa della longevità, l’eleganza e l’acidità, dovuta a una terra di straordinaria qualità, i suoi punti di forza. Il vitigno Cortese si trova infatti a suo agio in tipologie diverse tra loro: fermo o spumante, giovane o invecchiato, affinato in legno o in acciaio.

Nascendo nel punto del Piemonte più vicino alla Liguria, il Gavi gode del vento “marino” che influenza il microclima dell’area e lo caratterizza, donandogli note agrumate e il tipico sentore di mandorla, che nel tempo lascia spazio ai toni straordinariamente minerali.

 

————————————————————

 

Compie quest’anno 20 anni di attività il Consorzio Tutela del Gavi, nato nel 1993 con lo scopo di tutelare e valorizzare la Denominazione di Origine.

Presieduto dal dottor Gian Piero Broglia, conta circa 190 produttori associati (di cui 64 imbottigliatori), 1.450 ettari vitati a Cortese, una produzione di 11,5 milioni di bottiglie all’anno commercializzate in Italia e soprattutto Germania , UK, USA, Giappone, con una quota totale di export pari al 70%.

La sua attività si articola in due momenti: vigilanza sulla commercializzazione del Gavi DOCG e promozione dell’immagine della Denominazione in Italia e nel mondo.