“Quell’uva Cortese del Piemonte”- Il Giorno – 7 aprile 2013

6/05/2013

Si potrebbe dire, giocando sul nome gentile di questo antichissimo vitigno, che una bottiglia di Gavi coltiva in noi l’amor cortese per il grande vino.

Se ne ha notizia dal 972 quando il vescovo di Genova concede in affitto  vigne e castagneti a cittadini di Gavi.

Il filo della storia serve ad annodare la narrazione di un territorio di fascino dove natura e architetture rivaleggiano a definire un universo del bello.